L’Arcetana conserva l’imbattibilità casalinga in campionato: lo 0-0 contro la Modenese fotografa in modo preciso la cronaca del confronto.

Pivetti: “Un pari giusto, che comunque ci premia. Considerando il valore degli avversari e il grande affollamento della nostra infermeria, l’intera squadra merita un grande grazie per avere stretto i denti con efficienza e costanza”

ARCETANA – MODENESE  0 – 0

ARCETANA: Giaroli, Barbieri, Macca, Cavazzoli, Valmori, Tognetti, Bernabei, Agrillo (dal 34’pt Lugli), Greco (dal 22’st Davitti), Zito, Leoncelli (dal 16’st Cavoli). A disp.: Burani, Caminati, De Martino, Mattioli, Monti, Iossa. Allenatore: Pierfrancesco Pivetti.

MODENESE: Iattoni, Lo Bello (dal 28’st Serroukh), Posponi, Laino, Lusvarghi, Saetti Baraldi, Pilia, Tardini, Ouattara (dal 40’st Trotta), Falanelli, Malverti (dal 43’st Riva). A disp.: Nicolosi, Andalina, Annovi, Goldoni, Martagni, Della Giustina. Allenatore: Mirko Fontana.

ARBITRO: Pieretti di Parma (assistenti Colangelo di Reggio Emilia e Palma di Bologna).

NOTE: spettatori 170 circa. Ammoniti Valmori e Greco (A), Lusvarghi e il fisioterapista Ferretti (M). 

Almeno per oggi, ben poco da segnalare al “Comunale” di via Caraffa: il duello tra i biancoverdi e la Modenese si è chiuso con uno 0-0 che descrive alla perfezione l’andamento della gara. Confronto valido per il 9° turno del campionato di Eccellenza, girone A: entrambe le formazioni andavano alla ricerca di immediato riscatto, dopo le sconfitte rimediate sette giorni fa. Nella fattispecie, l’Arcetana proveniva dalla battuta d’arresto sul campo del Felino: la formazione d’oltre Secchia era invece in arrivo dal ko casalingo ad opera del Salsomaggiore. Alla fine, è scaturito un pari che può accontentare entrambe le contendenti: la compagine allenata da Pierfrancesco Pivetti ha comunque il merito di avere salvato l’imbattibilità casalinga in campionato, e non è certo cosa da poco. In più i padroni di casa hanno saputo stringere i denti, fronteggiando una vasta quantità di problemi fisici: di fronte c’era una Modenese ben strutturata sul piano del gioco, e l’insieme di questi due fattori conferisce senza dubbio un notevole valore al punto conquistato da Greco e soci.

Per quel che concerne la breve cronaca del confronto, al 7′ occasionissima ospite: Ouattara colpisce di testa da centroarea dopo aver agganciato la palla proveniente dal traversone di Laino, e la sfera termina di poco fuori a sinistra di Giaroli. L’Arcetana risponde al 19′, con la punizione angolata di Zito: la palla arriva a Iattoni che intercetta senza trattenere, e Leoncelli prova ad approfittare della respinta concludendo da pochi passi. L’idea del numero 11 biancoverde è buona, ma si tratta di un tentativo che spedisce il pallone non di molto a lato. Al 25′ Zito cerca la via del gol con un tiro-cross da posizione molto angolata: il tentativo termina appena alto sull’incrocio dei pali, a sinistra del portiere. Al 38′, il sempre attivo Zito si rende autore di un pregevole calcio d’angolo: la palla giunge a Valmori che prova a piazzare il sigillo vincente da posizione ravvicinata, ma la difesa avversaria fa buona guardia su di lui e così Iattoni non ha problemi. Nella ripresa, al 14′ Falanelli sferra un’insidiosa punizione dalla distanza: il pallone finisce di poco alto. Tre minuti più tardi il protagonista è invece Ouattara, che prova a indovinare uno spunto felice con un diagonale in piena area: pure in questo caso la sfera si perde di poco a lato, a sinistra del guardiano biancoverde. Da qui in avanti entrambe le squadre effettuano varie schermaglie, tese a cercare il sentiero giusto per arrivare all’agognato gol: i ritmi sono piuttosto sostenuti ma nessuna delle due formazioni si distrae, e così fino al termine non si vedono più occasioni da gol propriamente dette.